Il profeta Muhammad ﷺ e la Misericordia (Rahma) di Mohamed Harchaoui*

Come può un assassino compiere questi atti in nome di Allah, senza rendersi conto che la vita è sacrosanta e che le sue azioni non solo non hanno nessun diritto giuridico, morale o divino, ma oltraggiano il Profeta e la religione nel cui nome quella persona dichiara di agire, molto più di quanto possa fare una vignetta offensiva.

Schermata 2020-11-04 alle 13.37.16

Da musulmano e da uomo che ama e rispetta i propri e i valori degli altri  capisco il malcontento, la rabbia e il dolore che può provare un musulmano quando il nostro amatissimo profeta Muhammad  ﷺ viene rappresentato in modo irrispettoso o addirittura offensivo. Questo sentimento deriva dal rapporto sensibile che noi musulmani abbiamo con il nostro profeta: si tratta di un amore immenso, legato alla sua storia e ai grandi valori che ci ha insegnato, come  amare Dio senza associargli  alcun’altra divinità, essere solidale con il prossimo, curare e custodire la famiglia, rispettare gli anziani, amare i piccoli.

Muhammad ﷺ ci  ha invitato a praticare il bene verso ogni creatura; ha difeso e valorizzato la donna, come l’altra metà della società; ha raccomandato l’uguaglianza, ha stabilito doveri e i diritti di ogni individuo all’interno della società, oltre che a rispettare le  usanze, culture e religioni degli altri; tutto questo lo ha fatto in un periodo storico in cui questi concetti erano impensabili.

Leggi ancora

I giovani della CII esprimono preoccupazioni per l’ennesimo attentato terroristico in Francia

WhatsApp Image 2020-10-25 at 19.07.09Dalla Francia arrivano nuove e tragiche notizie: dopo l’atroce assassinio del professore Samuel Paty, due persone, attualmente sotto la custodia della polizia francese per tentato omicidio, hanno accoltellato due donne musulmane, vicino alla Torre Eiffel, nella serata di mercoledì 21 ottobre 2020.

Questo ennesimo attentato si inserisce all’interno delle crescenti tensioni registratesi in seno alla società francese con l’incremento, da un lato, dei casi di radicalizzazione islamista, e, dall’altro, di episodi di islamofobia, espresse non solo mediante numerosi post e commenti sui social media.

Leggi ancora